Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo. Winston Churchill

Partner

LOGO3.jpg

Logo-Mielina-5.jpg

Favole

drag.png

Dove Trovarci

top.ht1.jpg

Collaborazioni

LSI Portsmouth

Collarorazione di @uxilia con LSI Portsmouth. Per informazioni: http://www.lsi-portsmouth.co.uk/it/

Leggi tutto ...

Fraternity Fellowship Community

Fraternity Fellowship Community collabora con Auxilia per lo Sri Lanka per maggori informazioni su Fraternity Fellowship Community http://www.koinoniabatti.com/index_files/Page434.htm

Leggi tutto ...

Maram Foudation

Maram Foundation collabora con Auxilia per il sostegno in siria per maggiori informazioni si Maram Foundation http://maramfoundation.org/

Leggi tutto ...

Spes

Spes Onlus - Solidarietà per l'Educazione allo Sviluppo

Leggi tutto ...

I Bambini di Nassiriya Onlus

Cultura è libertà Per maggiori informazioni

Leggi tutto ...

Collaborazioni universitarie

Socialnews collabora con molte università italiane Per saperne di più

Leggi tutto ...

Il Focolare Onlus

Aiuto e sostegno per l'affido famigliare Per maggiori informazioni 

Leggi tutto ...

Progetto Mielina

Il Progetto Mielina partner di @uxilia

Leggi tutto ...

Il Segretariato Sociale RAI patrocinia il mensile SocialNews

 Il Segretariato Sociale RAI patrocinia il mensile SocialNews

Leggi tutto ...

Lotta la Traffico Illecito di Medicinali

LOTTA AL TRAFFICO ILLECITO DI MEDICINALI: 

più controlli, l’impresa farmaceutica si appella al ministro Turco

Camera dei deputati. Palazzo San macuto, Sala del refettorio Roma, 27 novembre 2007

 

 

 

Lotta al traffico illecito di medicinali: più controlli, l’impresa farmaceutica si appella al ministro Turco

 

Il settore farmaceutico chiede meno leggi e più controlli ma anche di ridurre le spese improprie nella Sanità per investire di più in ricerca e sviluppo.

E’ la scommessa che vede le imprese del settore pronte a collaborare apertamente con la magistratura e le forze dell’ordine per individuare le responsabilità aziendali nella commercializzazione dei medicinali attraverso una efficace tracciatura elettronica del farmaco.

Una politica del rigore dunque che, all’incontro organizzato a Roma martedì 27 novembre presso la sala refettorio della Camera dei Deputati, Farmindustria e le sue associate perseguono per combattere nel sistema i fenomeni di contraffazione, di truffa ai danni dello Stato, dei cittadini e delle imprese.

Ad aprire il dibattito Sergio Dompè, presidente di Farmindustria e promotore dell’incontro durante il quale si è messo in evidenza ancora una volta quanto incidono i costi della burocrazia in Italia per il funzionamento della macchina pubblica, i più alti nell’Unione Europea. “Troppe leggi nella stessa materia – prosegue Dompè - rallentano l’attività imprenditoriale, ciò che si chiede è un contesto legislativo chiaro senza aree grigie, coerente a livello regionale e nazionale”.

All’ appello risponde il ministro della salute Livia Turco che non solo condivide le preoccupazioni espresse dalle imprese del farmaco ma ricorda il Nuovo Codice Farmaceutico Europeo che sta per essere recepito e la lunga serie di provvedimenti già assunti in sintonia con le istanze espresse dal settore.

“Più controlli ma soprattutto pene più severe per i crimini farmaceutici “- chiede il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Benevento Antonio Clemente. E’ evidente che esiste un problema legislativo nella lotta al crimine farmaceutico – conclude il magistrato - visto che le pene previste per questo tipo di reati sono alquanto ridotte”. A confermare ciò anche i rappresentanti degli organi di controllo intervenuti all’incontro. “Solo attraverso la rintracciabilità del farmaco insieme ad una banca dati - assicura Saverio Cotticelli, Comandante del Nucleo Antisofisticazioni dei carabinieri - si è riusciti in molti casi, anche con i soli mezzi amministrativi, ad intercettare le vie del traffico illecito di medicinali”.

Sulla stessa linea del maggiore controllo nel tracciare i consumi dei farmaci Fernando Verdolotti comandante del nucleo repressioni e frodi della guardia di Finanza, Amedeo Bianco e Giorgio Siri rispettivamente presidente della federazione nazionale dell’Ordine dei Medici e presidente di Federfarma, intervenuti alla tavola rotonda.

Critiche alla finanziaria appena licenziata provengono invece dal presidente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, Antonio Tomassini, la quale non consentirebbe, secondo il senatore, di agire in maniera determinante sui centri di costo e dunque di ottimizzare le risorse per consentire più investimenti nella Sanità.

 

Grazia Russo

 

“Il settore farmaceutico chiede meno leggi e più controlli”


Roma, 27 novembre 2007- Palazzo San macuto, Sala del refettorio

 

10.00  Saluto di apertura

Sergio Dompé

Presidente Farmindustria

Il quadro attuale delle leggi e dei controlli

Antonio Clemente

Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Benevento

Saverio Cotticelli 

Comandante dei Carabinieri per la Tutela della Salute

Fernando Verdolotti

Comandante Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie - Guardia di Finanza

11.00 Tavola Rotonda “Meno leggi e più controlli”

Coordina

Roberto Turno

Sole 24 Ore

Partecipano:

Antonio Tomassini

Presidente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sull’Efficacia

e l’Efficienza del Servizio Sanitario Nazionale

Amedeo Bianco

Presidente Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi

e degli Odontoiatri

Giorgio Siri

Presidente Federfarma

Sergio Dompé

Presidente Farmindustria

13.00 Conclusioni

Livia Turco

Ministro della Salute

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più privacy policy.

Accetto i cookies per da questo sito.